Sogni di vedere l’aurora boreale almeno una volta nella vita? Come fare, costi e tutte le curiosità

Uno dei fenomeni più suggestivi che il pianeta e il firmamento possono regalare. Ecco di quali opportunità di viaggio approfittare per andare ad osservarlo

Visto con gli occhi della più stretta contemporaneità, un fenomeno naturale come l’aurora boreale sembra sin troppo bello per essere vero. Immortalato in alcune di quelle immagini tanto utilizzate come sfondo di un desktop per pc, potrebbe essere tacciato di venire talvolta elaborato – come oggi accade – dall’intelligenza artificiale. Eppure, l’aurora borealis non ha bisogno di essere “photoshoppata”. È più probabile che ci si faccia invece osservatori bisognosi di assistere a un tale spettacolo.

viaggio offerte aurora boreale
Partire alla ricerca dell’aurora boreale: quanto costa (nspower.it)

La formazione di questo suggestivo fenomeno che coinvolge in fondo soltanto una porzione del pianeta Terra, è ovviamente complessa e si può descrivere grossomodo così: le particelle cariche (ossia protoni ed elettroni) di origine solare entrano in interazione con la ionosfera terrestre (tra 100 e 500 km d’altezza) provocando un vento solare che prima “galvanizza” gli atomi, poi, quando si diseccitano, emettono luce di differenti lunghezze d’onda, forme e colori.

Ecco quando realizzare il sogno di assistere all’aurora boreale

Nonostante un’accurata spiegazione scientifica, l’aurora boreale spinge viaggiatori ed appassionati di tutto il mondo a cercarla, ad inseguirla come un animale misterioso ed impenetrabile. La magia di questo fenomeno è osservabile nei mesi autunnali e invernali di quei paesi dove è davvero di casa: Alaska, Canada, Groenlandia, Islanda e Scandinavia. Con l’avvicinarsi del mese di marzo, però, l’attività solare si fa intensa, regalando tante opportunità di assistere al suo fascino.

L’Islanda è il paese che regala ben otto mesi di osservazione: tra fine agosto e metà aprile. L’ingrediente principale per l’aurora è una notte particolarmente buia ed in Islanda si fa buio dalle 6 del pomeriggio, arrivando tra le 9 e mezza serali e l’una di notte ad un buio completo; ma è importante farsi trovare immersi nella natura, lontani dalle luci della città, per catturare al meglio e ad occhio nudo il verde e il viola dell’aurora.

quando dove vedere aurora boreale
Quando e dove vedere l’aurora boreale (nspower.it)

Ecco i periodi di osservazione negli altri paesi: in Norvegia, da settembre ad aprile; in Finlandia, da settembre a marzo; in Canada, da ottobre a marzo; e in Svezia, tra ottobre e marzo. Nella regione della Lapponia finlandese, si può assistere ad un’aurora boreale ogni due notti: i cacciatori di aurore possono recarsi in particolare a Rovaniemi (Lapponia settentrionale).

L’occasione è ottima, dunque, per visitare splendidi parchi naturali, quali: Parco Nazionale di Abisko, Jukkasjärvi (Svezia); Whitehorse (Yukon), Yellowknife (Northwest Territories), Lake Superior (Ontario), Athabasca (Alberta), Kuujjuaq (Quebec), in Canada; Tromso, le isole Lofoten, Senja, Alta, le isole Svalbard, Capo Nord e Hammerfest (Norvegia). Un po’ di tariffe: si parte da 365 euro per il pacchetto volo diretto a/r e 3 notti a Rovaniemi, passando per 439 euro per l’Islanda (volo, 3 notti presso hotel 4 stelle a Reykjavik e tour dell’aurora). Oppure si può optare per un incredibile soggiorno in uno degli artic resort lapponi, al centro del freddo polare.

Impostazioni privacy